Recensione- Il cavaliere d’inverno di Paulina Simons

Buongiorno lettori sono tornata con una nuova recensione,non ne faccio una da un bel pò di tempo ormai. Come si capisce dal titolo vi parlerò del cavaliere d’inverno di Paulina Simons; ebbene si, ci sono cascacata anch’io ma non mi ha convinto al cento percento. Questo è il primo libro di una trilogia seguito da Tatiana e Alexander e il terzo Il giardino d’estate. Va bene non vi spoilerò niente leggete e basta!

Titolo: Il cavaliere d’inverno

Autore: Paulina Simons

Costo: 10.00 €

Edizione:  BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Anno: 2000

Pagine: 700

Valutazione: ★★✩

Trama:Leningrado, 1941. In una tranquilla sera d’estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell’Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta subito un’attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l’assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.

 

RECENSIONE

In una mattinata di giugno profumato di gelsomino,una ragazza di nome Tatiana di solo diciassette anni dormiva l’ultimo sonno di un intrepida giovinezza; poiché quella stessa mattina la radio annuncia che Hitler ha attaccato la Russia. Tatiana Georgievna non si rendeva conto del pericolo, nata e cresciuta in una Russia comunista e convinta che nessuno,neanche Hitler poteva sconvolgere il paese. Ma diventa consapevole del suo errore quando va alla ricerca di viveri e non ne trova poiché tutti stavano cercando di accumulare più provviste possibili. In quella stessa giornata un solo sguardo con il ragazzo più bello che abbia mai visto farà cambiare le sue priorità. Quello stesso ragazzo che poi scoprirà chiamarsi Alexander,un soldato dell’armata russa, le sconvolgerà la vita coinvolgendola in una serie di segreti e follie che la faranno innamorare perdutamente!

 

Ho iniziato a leggere questo libro con aspettative altissime che purtroppo per alcuni aspetti sono state deluse. All’inizio mi ha coinvolto moltissimo,come viene sviluppato il loro rapporto,la chimica e la complicità che si crea è stupenda. Però poi si entra a tutti gli effetti nella storia del romanzo che nasce come uno storico e quindi ritroviamo la guerra,la morte,la fame perenne e ci soni pochissimi momenti che ti permettono di respirare e uscire da un clima molto pesante. La storia sotto il mio punto di vista può essere divisa in quattro momenti il secondo l’ho trovato davvero lento e lungo, un taglio di una cinquantina di pagine avrebbe alleggerito il tutto. Nella terza parte invece ritorna a piacermi, ritrovo i personaggi affiatati e complici. L’amore tra i due protagonisti diventa molto più passionale e sensuale, alternato a momenti di vero e puro romanticismo. Tutto si dissolve nella quarta parte che mi ha lasciata l’amaro in bocca; in qualche modo mi aspettavo quello che succede ma allo stesso tempo non volevo che accadesse. Sinceramente non ho trovato la storia cosi travolgente come dicono in molti,si c’è stata la prima parte che è stupenda e il momento centrale ma il resto non mi è piaciuto tranne alcune scene e momenti sparsi.

«Ho trovato il vero amore sulle rive del Kama.»
«Io l’ho trovato in via Saltjkova-Scedrina, mentre mangiavo il gelato seduta su una panchina.»
«Non mi hai trovato Tatia. Non mi stavi neanche cercando. Sono io che ti ho trovata.»
Lunga pausa.
«Tu mi ….stavi cercando?»
«Da una vita».

Per quanto riguarda i personaggi il punto di vista è quasi sempre quello di Tatiana alternato raramente a quello di Alexander. Tatiana mi è apparsa subito come un personaggio molto forte e coraggiosa per la sua giovane età( che sarebbe anche la mia tra l’altro). Per quanto riguarda Alexander è un  personaggio strutturato benissimo;mi ha affascinato tantissimo la sua storia e il suo approccio alla vita anche se non condiviso in pieno ne da me ne dalla stessa protagonista. 

Invece i personaggi secondari li ho odiati tutti, ad esempio la sorella di Tatiana appare come una ragazza davvero stupida ed egoista;mentre il migliore amico di Alexander è una persona spregevole, a qualunque costo lui deve sopravvivere, non gli importa chi colpisce o lascia indietro, basta che lui salvi.

In definitiva non so se consigliarvi o meno questo libro, per il momento, credo che sarò in grado di dare un giudizio più giusto quando avrò finito di leggere l’intera trilogia. Come sempre fatemi sapere cosa ne pensate!

 

CONSIGLI DI BLUE

-Consiglio questo libro:

-Genere: Narrativa straniere/romanzo storico/rosa

-Frase importante: ” Tornare indietro era impossibile.
Andare avanti era impensabile.”

 

Altre opere dell’autore:

  • Tatiana & Alexander
  • Il giardino d’estate
  • La casa delle foglie rosse
  • Una valigia piena di sogni

Alla prossima,

Blue

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...