Recensione “Anathem: il Pellegrino” di Neal Stephenson

Buongiorno lettori iniziò il nuovo anno sul blog con una recensione,ne ho fatte pochissime, di un libro che è stato il mio tormento per ben tre mesi!

 

imagesTitolo: Anathem: il pellegrino vol.1

Autore: Neal Stephenson

Prezzo:3.90 €; rilegato

Pubblicazione: 2010

Pagine: 643

Editore: Rizzoli HD

Valutazione: ★★★

Trama: È l’anno 3689 e il pianeta Arbre vive un periodo di pace e serenità. Nel suo passato ci sono imperi, colpi di stato militari, gli Eventi Tragici e la Ricostituzione, il Primo, il Secondo e il Terzo Sacco, ma nei secoli è stato raggiunto un equilibrio. Gli scienziati, i matematici, i filosofi vivono chiusi nei loro “concenti”, e si dedicano alla pura speculazione teorica senza avere nessun contatto con la tecnologia, che invece segna l’esistenza del resto della popolazione: gli “extramuros”, sottoposti al Potere Secolare. Ma qualcosa minaccia l’ordine perfetto di Arbre: lo dimostra l’espulsione dal concento di Saunt Edhar, al canto struggente dell’Anathem, del sapiente Orolo, che osservando il cielo ha scoperto un oggetto luminoso in avvicinamento. Sarà il suo allievo prediletto, il diciottenne fraa Erasmas, ad avere una parte cruciale nel dramma che sta per svolgersi su Arbre. E toccherà a lui, alla compagna Ala e agli altri novizi esplorare il mondo di fuori: sino ai confini più estremi.

 

RECENSIONE

Inizio col dire che questo libro l’ho iniziato il 3 ottobre e finito il 31 dicembre,ci ho messo circa tre mesi e già questo di per se è un opinione consistente. Ci ho messo davvero una vita per leggerlo,le prime duecento pagine sono state un supplizio,non ci capivo niente e avevo un rifiuto assurdo verso questa storia;mi sono messa di impegno e l’ho finito. FINALMENTE!!

Tra le 600 e passa pagine di cui è composto il libro c’è un Avvertenza al lettore all’inizio in cui spiega un pò i fatti storici datandoli in un modo tutto suo;alla fine del libro invece c’è il glossario che se non lo leggete prima di iniziare non capirete assolutamente niente. Infine ci sono tre calche →spiegazione ,definizione o lezione che serve a sviluppare un concetto più ampio,ma che è stata rimossa dal corpo centrale del dialogo e incapsulata in una nota o appendice.

In totale,quindi le pagine sono una cinquantina in meno.

Per quanto riguarda la storia si sviluppa in modo stranissimo,ci sono le prime duecento pagine in cui ci sono flashback della storia ogni due righe e rendono la lettura davvero molto lenta e ti faranno venire la voglia di chiudere il libro all’istante. Dalla quarta parte in poi invece le cose cambiano e la storia diventa più o meno interessante, i fatti storici vengono sempre menzionati ma diventa meno frequente la cosa,quindi la lettura cambia. Da questa parte in poi c’è anche un cambiamento drastico dei personaggi,in positivo, in quanto iniziano a sembrare delle persone reali con dei sentimenti,pensieri e tutto il resto;prima di questo i personaggi erano totalmente privi di spessore e non aiutavano di certo la storia.

Posso assolutamente affermare che tutto migliora alla fine,anche se non dovrebbe chiamarsi fine visto che c’è un altro libro il Vol.2 in italia,ma la versione originale comporta un unico libro. Quindi ora mi tocca decidere se comprare o meno il continuo di un libro che ho detestato,ma che voglio sapere come va a finire, visto che mi ha lasciata totalmente spiazzata.

La trama nel dettaglio non riesco neanche a descriverla,so solo che quello che è successo mi ha spiazzato,penso che capirò se lo ha fatto in modo positivo solo dopo aver letto anche l’altro.

Vi lascio con un pezzo del libro che mi è piaciuto davvero molto.

In tutte le anime,sostenne il condannato, risiede la capacità di creare tutto un mondo, grande e vario come quello in cui vivevano lui e il magistrato. Ma se questo valeva per l’innocente, valeva anche per il condannato, quindi non avrebbe dovuto essere messo a morte; nessuno avrebbe mai dovuto essere messo a morte.

CONSIGLI DI BLUE

-Consiglio questo libro: SI\NO

-Genere: FANTASCIENZA

-Frase importante:(non è importante ma mi faceva ridere)

“Temi che un drago rosa voli sul concento e ci investa con una valanga di scoregge al gas nervino?”

Altre opere dell’autore:

  • Anathem:il nuovo cielo
  • Snow crash
  • Zodiac
  • Cryptonomicon
  • Argento vivo
  • Confusione
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...